Alessandro Magno 🗿🏛📚

In celebrazione del 2377° anniversario della nascita di Alessandro Magno

Sebbene re dell’antica Macedonia per meno di 13 anni, Alessandro Magno cambiò il corso della storia come nessun altro condottiero del mondo antico. Uno dei più grandi generali militari del mondo, creò un vasto impero che si estendeva dalla Macedonia all’Egitto e dalla Grecia a parte dell’India. Ciò ha permesso alla cultura ellenistica di diffondersi ben oltre i confini dell’antica Grecia. Alessandro Magno fu uno dei più grandi strateghi e leader militari della storia del mondo. Era anche spietato, dittatoriale e ambizioso al punto da considerarsi divino. Le sue conquiste degli stati mediterranei, dell’impero persiano e di parti dell’India diffusero la cultura ellenistica in queste regioni non soltanto per il limitato periodo del suo regno ma in maniera profonda e permanente.

Testa di marmo raffigurante Alessandro, British Museum, Londra

A sinistra uno dei tanti ritratti marmorei di Alessandro Magno usato dal leggendario conquistatore e dai suoi seguaci, durante e dopo il suo regno, per diffondere e immortalare l’immagine di un giovane e potente leader, spesso associato al concetto di divinità. Questa scultura si presume sia stata ritrovata ad Alessandria in Egitto ed è ora in mostra al British Museum di Londra. Ho letto di recente con vivo interesse un romanzo di Mary Renault su Alessandro, Il ragazzo persiano, al culmine della sua vita, visto dagli occhi dal suo amante, Bagoas, e questo mi ha spinto a vedere da vicino altri reperti dello stesso periodo nella sala 22 del British Museum a Londra e a saperne di più di questo leader affascinante.

448px-Aleksander-d-store
Copia romana di busto greco, Ny Carlsberg Glyptotek, Copenhagen

Questa altra statua di marmo è una copia romana di un busto greco originale del III secolo avanti Cristo raffigurante Alessandro Magno, esposto alla Ny Carlsberg Glyptotek a Copenaghen. La bellezza del volto e la proiezione del carisma del personaggio sono evidenti, nonostante si tratti di una copia di epoca romana di quello che doveva essere un ritratto originale contemporaneo al giovane condottiero. Lo scultore Lisippo, personalmente scelto da Alessandro Magno, assieme al pittore Apelle, è normalmente associato alla produzione di immagini che perpetuassero attarverso l’immenso impero l’iconografia voluta dal generale per sè stesso. Evidente anche la somiglianza dei tratti del volto con l’altra statua.

Una fama leggendaria

Alexander_the_Great_mosaic
Mosaico della battaglia di Isso, Pompei, Museo Archeologico di Napoli

La fama di Alessandro Magno in epoca romana è indubbia, come testimoniato anche dal particolare di questo grande mosaico ritrovato a Pompei, nella Casa del Fauno, e raffigurante la battaglia di Isso. Lo scontro militare rappresentò la totale disfatta dell’impero persiano e di Dario III. Interessante l’aneddoto legato all’incontro immediatamente succesivo alla battaglia con la madre di Dario, la regina Sisigambi, la quale non riuscì a riconoscere Alessandro nella delegazione dei vittoriosi generali macedoni che includeva anche Efestione, e salutò quest’ultimo come il vincitore. Alessandro, per evitarle l’imbarazzo le rispose di non preoccuparsi, in quanto entrambi erano Alessandro.

Una relazione formidabile

Poco si sa delle relazioni personali di Efestione al di là della sua stretta amicizia con Alessandro. Alessandro era un uomo estroverso e carismatico che aveva molti amici, ma il suo più caro e più caro amico e confidente era Efestione. La loro era un’amicizia che era stata forgiata nell’infanzia, che si sviluppò durante la loro adolescenza e si consolidò nonostante le difficoltà della campagna militari e le lusinghe della vita di corte e dei loro matrimoni.

Mosaico con scena di caccia a Pella, probabilmente raffigurante Alessandro e Efestione
Alessandro e Efestione, di Andrea Camassei

Il legame tra i due personaggi era davvero molto forte ed è stato descritto dal loro tutore comune, Aristotele, come “un’anima che abita due corpi”. Molto probabilmente, i due si incontrarono mentre erano ancora adolescenti alla corte macedone di Pella, entrambi giovani virgulti dell’alta nobiltà macedone. Con la prematura salita al trono di Alessandro e l’inizio della campagna militare contro l’impero persiano, la relazione fra i due si intensificò ed è stata spesso paragonata a quella fra Achille e Patroclo. Un episodio riportato da Eliano Tattico descrive come durante una visita a Troia Alessandro pose una ghirlanda sulla tomba di Achille e Efestione una su quella di Patroclo a simboleggiare l’identificazione dei generali macedoni con i loro predecessori greci. Alessandro e Efestione proseguirono la loro leggendaria campagna militare e continuarono a sviluppare il loro rapporto al punto che Alessandro lo nominò secondo al comando dell’impero e gli diede in sposa la sorella della sua seconda moglie, entrambe figlie dell’imperatore persiano sconfitto Dario III. La morte di Efestione, probabilmente a causa della febbre tifoide, mentre i due generali stavano conducendo una campagna militare in Persia, fu un duro colpo per Alessandro e fu seguita, appena alcuni mesi dopo, dalla morte del grande leader per ragioni simili.

Bibliografia essenziale online

Le conquiste di Alessandro Magno

Puoi seguirmi anche sui miei altri canali di social media:

e iscriverti agli aggiornamenti via email di questo blog:

7 thoughts on “Alessandro Magno 🗿🏛📚

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s